venerdì 28 aprile 2017

La bellezza del bruco


Che bello! Due semplici parole, tra le più comuni, bastano a sconvolgere la vita di un piccolo bruco. Sono parole misteriose e seducenti, quelle che gli sono state rivolte da un essere mai visto prima e l'animaletto, strappato dalla quotidianità, non farà che interrogarsi sul loro significato, chiedendo a destra e manca, a chi incontrerà sul proprio cammino, in un garbuglio che - di domanda in risposta - si farà sempre più oscuro. Fino a che, ormai disperato e rassegnato a non capire, un'"epifania" nel cielo notturno gli farà ritrovare la pace... E' la storia - a mio parere meravigliosa e con tanti interessanti piani di lettura e di interpretazione - di "Che bello!", di Antonella Capetti e Melissa Castrillon, dalle immagini che lasciano il segno per la loro originalità, edito da Topipittori (si capisce che ho una passione per i...Topi?!?). 

"Che effetto hanno, su di noi, le parole? E che effetto avrebbero, se fossero, come per il bruco, di meraviglia e stupore? Non è solo l’amore che cresce un bambino che si affaccia alla vita: ma è il nostro sguardo su di lui, e le parole che riusciamo a trovare per raccontarlo, e raccontargli il mondo", ha scritto l'autrice Antonella Capetti. Il volume, cartonato, è prezioso per: pensare a come utilizziamo le parole; riflettere su concetti che riteniamo ovvi e invece non lo sono;
capire che una storia può spiegare una cosa importante.
"E non smetto di pensare che, come al bruco, anche a noi possa capitare - racconta l'autrice - mentre si cerca, di rimpiangere la quiete della vita precedente, o di ottenere risposte diverse da quelle attese, o di avere una cornacchia che ci soffi sul collo la sua continua e disillusa contrarietà. Ma poi, basta uno sguardo al cielo, e tutto tace".

Con questo post partecipo all'appuntamento con il Venerdì del Libro di Paola.

4 commenti:

  1. Che belle riflessioni! Da leggere, non solo ai piú piccoli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido, Dolcezze. Mi ha fatto riflettere molto...le parole che sembrano ovvie si caricano di suggestioni e di "pesantezze" diverse, a seconda di chi le riceve o le indirizza.

      Elimina
  2. Ciao Elisabetta. Scopro il tuo blog per caso. Che bello questo libro non solo per i più piccoli ma anche e, soprattutto direi, per i più grandi, che abbiamo molto da imparare anche dalle cose più semplici. "Basta uno sguardo al cielo, e tutto tace": non ho parole. Se vuoi passa anche da me! sarai la benvenuta.

    RispondiElimina
  3. Mi fa molto piacere il tuo commento! Grazie di essere passato, spero che ogni tanto farai un "salto"! Grazie per l'invito da te, molto volentieri.

    RispondiElimina

Lasciami un commento, un'impressione, una suggestione...mi farà immenso piacere! elisa